Recensione: Def&Kate “I’mperfect” (Gwenedmusic – 2018)

Bob Stoner è un artista a tutto raggio, poliedrico e prolifico, scrittore, compositore, videomaker e bassista, si è incarnato in progetti quali Cardiac, Agatha, De La Croix e Shelly Webster Trio.

Oggi si getta nella mischia, polverosa e asfittica del nostro panorama musicale con una nuova creatura, i Def&Kate.
Il prodotto intitolato “I’mperfect” contiene cinque pezzi strumentali che si destreggiano in territori intricati, già stoner, spesso avantgard e sovente psichoipnotici.

Bob conosce bene la materia plasmando un sound umorale, concettuale, illuminante, un concentrato di ritmiche e riff che ben si incastrano con le atmosfere retrospettive delle keyboards, mettendo così a nudo una visionarietà profetica ed esegetica.
Saggezza ed apocalisse inoculate in ogni solco di questo album, sono concezioni che i Def&Kate di Bob Stoner, nella temperie culturale di questo tempo, sottoposti al discernimento, estendono verso le profondità dell’universo.

Vedi il video QUI

https://gwenedmusic.bandcamp.com/album/def-kate-imperfect